IL SEGRETO DI CHELIDONIA

IL SEGRETO DI CHELIDONIA (Secop, 2014)

17 novelle, in una scelta forse scaramantica...
Nel Segreto di Chelidonia, la notizia dell'esistenza del caradrio, uccello dalle miracolose proprietà terapeutiche, acquisita dall'enciclopedia magica di Giovan Battista Della Porta, induce alcuni personaggi a una folle ricerca. Molfetta, Brindisi, Parigi e Subiaco sono le tappe di un disperato viaggiare, che si dispiega tra esorcismi, omicidi e leggende rinascimentali, che sembrano rivivere sul filo della pazzia. A dominare la scena è l'enigmatica vergine di Subiaco, Chelidonia, che, nei recessi della rupe della Morra Ferogna, custodisce un dolce segreto d'amore.
L'ospite dell'alba ci proietta tra domus e osterie dell'antica Roma, alla ricerca, insieme a Lucio Fabio Ambusto, dell'impudico liberto Ignazio, testimone oculare di un atroce delitto, forse consumatosi solo in sogno. In Hotel Perseo protagonista è una Firenze allucinata, percorsa dalle memorie dell'Umanesimo-Rinascimento (i versi di Michelangelo attraversano come una "nenia ipnotica" l'intera narrazione). Un giovane studente di architettura giunge in città per studiare dal vivo la Medusa caravaggesca, ma si ritroverà, suo malgrado, coinvolto in un'incredibile e pericolosa avventura.
E poi ancora anziane sorelle molfettesi sconvolte da un onirico messaggero; bambini risucchiati da un ottagono imperiale e catapultati nel regno della Pleiade storna... Un parroco in crisi, che si appresta a celebrare l'ultima messa; una giovane rincantucciata nelle polveri di una biblioteca; una mescialë pasticciona; uno sposo che cerca di ridestare l'amore nella moglie immemore a causa dell'Alzheimer; serpenti giganti e confini invalicabili; ippogrifi e viaggi sulla luna; Angelica, Rinaldo, Barabba, Adamo, Isabella Morra, il nonno Barbieri e altre novelle surreali, ironiche o pervase di malinconia.

In copertina “I Gemelli”, olio su tela di Marisa Carabellese.

"Pennellate rinascimentali e voci antiche sembrano vibrare nel libro di Gianni Antonio Palumbo Il segreto di Chelidonia e altre novelle. Diciassette racconti, altalenanti tra i misteri di una Roma antica e i sentimenti più profondi di personaggi storici o creati dalla fantasia dell’autore. Una buona capacità d’immedesimarsi nella psicologia dei singoli individui attira l’interesse del lettore, e le vicende, con finali inaspettati, spesso sfociano in una dolce malinconia. Il linguaggio dei racconti di Palumbo è ricercato e poetico, con i profumi e le essenze di antiche curiosità". (Loredana Simonetti)

ETERNITÀ. LA LEGGENDA DI DESTINO E SOSPENSIONE

ETERNITÀ. LA LEGGENDA DI DESTINO E SOSPENSIONE (Bari, Palomar, 2003).

“V’era un’aria grigia e uggiosa quel mattino d’autunno in cielo”.
Ha inizio così la storia di Eternità e dello sgangherato mondo dei frequentatori del “Teatro dei Sogni”. Greta, che porta in grembo il figlio del dio Destino, promessa di una nuova età dell’oro; Maudit, eroinomane; Giovanni, regista, innamorato della sfuggente Micol; Lele e Luigi, protagonisti di un tormentato amore omosessuale (in un gioco di specchi, la loro vicenda si intreccia a quella di Camillo e Alain, sbocciata sotto il nazismo e riaffiorata dalle pagine di un diario): sono i protagonisti di questa storia sospesa tra passato e presente, sogno e realtà. Ciascuno alla ricerca della propria identità o della felicità… Marionette tra le mani di Destino e Sospensione, impegnati in una interminabile e puntigliosa partita a scacchi che dura per l’eternità…

I FANTASMI DI UN POETA

I FANTASMI DI UN POETA (Molfetta, La Meridiana, 1998).

Roma, inizi del Novecento. Il poeta Mathieu La Roche ritorna nella Capitale, per risolvere un oscuro delitto, avvenuto anni prima: l’assassinio di sua sorella Danielle nei sotterranei di Palazzo Rainaldi Rocca. L’incontro con Ester, l’amata di un tempo, ora sposa dell’amico di sempre, Delio Rainaldi Rocca, farà riaffiorare i ricordi struggenti di un passato irrisolto. Una serie di delitti e di falsi suicidi nelle acque del Tevere, forse legati alla setta pagana della Grande Lupa, terrà il lettore con il fiato sospeso. A fare da guida a La Roche in una Roma maledetta e allucinata il giovane e misterioso Alberto, una presenza eterea e indecifrabile.

“Molti, da qualche anno a questa parte, hanno scelto di porre fine alle loro sofferenze, atroci come spade, con un tuffo in quelle ‘chiare, fresche e dolci acque’. E il Tevere, benigno, li ha accolti nel suo seno e ha dato loro rifugio. Ma se qualcuno interrogasse quelle acque, allora canterebbero la triste storia di coloro che sono morti per oltraggio e vagano senza pace per difendere i vivi che stanno per contemplare la morte in volto”.

In copertina “L’angelo dell’apocalisse” di Antonio Nuovo.

KRANKREICH. TRAMONTO DI UN SOGNO

KRANKREICH. TRAMONTO DI UN SOGNO (Palomar, Bari, 2000).

Uno straniero giunge a Krankreich, fondata da re Friedrich, sovrano tormentato dal rimorso. Scopre così che la città è un regno dove ‘Uomini d’Aria’ vivono assecondando le loro inclinazioni artistiche e costruendo un mondo multietnico di pace. Ad essa si oppone Gesundreich, terra di intrighi politici e sanguinose faide interne. Un misterioso omicidio farà scoppiare l’estenuante guerra. Un pianista alla ricerca della propria identità; una principessa innamorata del comandante nemico assetato di vendetta; Umberto Giussano, generale che insegue il mito della razza; una prostituta in cerca dell’assassino del consorte; un poeta spagnolo, roso dall’invidia; un pittore innamorato della vita; un Crocefisso dallo straordinario potere… E poi, un sottobosco di maghi, streghe, spiriti maligni, che reggono le fila di questo mondo incantato, dominato dalla Regina del Ghiaccio. Tra riti magici, sortilegi e incantesimi, il male trionfa e il sogno della libertà tramonta. Il mondo resta, però, in attesa di una nuova alba.
Premio “Letteratura giovane” nella XIX edizione del Premio Valle dei Trulli.

2 3